Italia da Scoprire



Regione Veneto - Italia
Vicenza - Capoluogo di Provincia
Provincia di Vicenza

Cambia Categoria
Cerca in Primitaly
 




Aziende on line
Inserite la vostra Azienda
su Primitaly
ora

Forum
Domande, risposte, idee, consigli tra utenti e clienti

Leggi Messaggi
Inserisci Messaggi
Cerca tra i Messaggi

Annunci
Info Turismo
Informazioni per chi viaggia: auto, treno, aereo, navi

Viabilità Autostrade
Aeroporti e orari
Treni
Navi e Traghetti
AutoNoleggio
Meteo

Servizi di Primitaly

Chi è Primitaly
Servizi
Offerte


Panorama di Vicenza
Le origini di Vicenza hanno radici profonde. I Veneti vi si stabilirono alcuni secoli prima la nascita di Cristo e di questo periodo rimangono notevoli testimonianze archeologiche conservate nel Museo di Santa Corona. Durante la dominazione romana, la città prese il nome di Vicetia diventando importante Municipio romano dal 49 a.C. e strategico snodo stradale. La città venne organizzata secondo lo schema del "Castrum". Il decumano massimo, l'attuale Corso Palladio, attraversava il centro abitato secondo l'asse Ovest-Est e corrispondeva alla via consolare Postumia. In piazza Duomo, sotto il Palazzetto Proti, è visitabile il Criptoportico Romano, parte di un antica domus patrizia.
L’importanza della città viene confermata anche in epoche successive, con i longobardi diventa la sede di un ducato, ma venne distrutta nell’899 dalle invasioni barbariche. Successivamente venne costruita la prima cerchia di mura che racchiuse il centro urbano, ma in seguito venne ugualmente assediata, occupata dai padovani, poi dai veronesi e successivamente, nel Xlll sec., da Ezzellino III da Romano detto Il Tiranno che riuscì ad impossessarsi di un vasto territorio e Vicenza divenne il centro della sua signoria. Alla morte di Ezzelino, avvenuta nel 1259, Padova estese il suo dominio su parte del teritoriovicentino fino all'arrivo degli Scaligeri (1311). Nel 1404, dopo un breve periodo visconteo, Vicenza entrò nella Serenissima Repubblica di San Marco e vi rimase sino a quando il generale Bonaparte concluse, nel 1797, la storia millenaria dello Stato veneto. Grazie al lungo periodo veneziano, durato oltre tre secoli, Vicenza visse il suo masimo splendore, arricchendosi di opere architettoniche maggiori centri artistici d'Italia. Nel 1866 si unisce all'Italia.
Nulla è rimasto degli edifici romani; solo nella chiesa dei SS. Felice e Fortunato sono riapparsi alcuni tratti dei mosaici del IV sec., oltre a materiale di recupero.
Il segno più evidente del passato splendore di Vicenza risiede nella straordinaria opera di Andrea Palladio. La fioritura palladiana dura più a lungo del suo artefice e alla fine del '700 la città conserva pressoché integre le opere di questa sua lunga estate.
Nel 1994, Vicenza è stata inserita nella Lista del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO in quanto i beni architettonici palladiani sono considerati d'interesse eccezionale e di valore universale, di grande influenza sulla cultura mondiale.
Andrea di Pietro della Gondola detto il Palladio fu uno dei maggiori architetti italiani del Cinquecento italiano.

Da Vedere

Villa Capra Valmarana,
La Rotonda
Piazza dei Signori: rappresenta il cuore della città dove si affacciano alcuni importanti monumenti tra cui la Basilica: eretta su preesistenti edifici, realizzata parzialmente da Domenico da Venezia nella prima metà del '400, arricchita di una loggia palladiana a due piani. Accanto alla Basilica s'innalza la Torre alta 82 metri, acquistata nel 1311 dal Comune nel 1378, sulla quale verrà posto il primo orologio della città. Su Piazza dei Sognori si trova anche la Loggia del Capitanato, opera del Palladio rimasta incompiuta e affrescata da Tiziano e Paris Bordone. Nei pressi si trova il Monte di Pietà, eretto nella seconda metà del '400. Da Piazza dei Signori si passa a Corso Palladio che rappresenta un campionario di alcuni secoli dell'architettura veneta tra palazzi e chiese di notevole interesse.
Partendo da P.zza Castello, che su un lato conserva l'incompiuto Palazzo Breganze, iniziato dallo Scamozzi su disegno del Palladio si incontra Palazzo Bonin attribuito al Palladio e realizzato dallo Scamozzi. Di fronte si trova il Palazzo Piovene. Proseguendo si incontrano Palazzo Loschi Zileri realizzato da Ottone Calderari nella seconda metà del '700, la chiesa di S. Filippo Neri rifatta verso il 1730, Palazzo Braschi ricostruito su forme originali del '400 dopo la guerra, e Palazzo Trissino dello Scamozzi, ora sede del Comune. S'incontra poi Palazzo Da Schio, chiamato pure la Ca' d'Oro, splendida costruzione quattrocentesca. Più avanti, la chiesa di S. Corona, grandiosa costruzione romanica, che conserva opere di Paolo Veronese e Giovanni Bellini. Poco più avanti, la Casa del Palladio, piccolo edificio con una bella facciata
Palazzo Chiericati, opera del Palladio
.
C.so Palladio finisce nella P.zza Matteotti su cui si affaccia il Palazzo Chiericati, una delle più prestigiose opere del Palladio stesso, sede del Museo civico, con raccolte paleontologiche, oggetti d'arte e un'interessante pinacoteca. Dalla parte opposta della piazza si trova l'entrata del complesso di edifici che rinserrano il Teatro Olimpico, caratterizzato da una splendida scena fissa con vie che scendono verso la piazza centrale.
Il Duomo, più volte rimaneggiato nel corso dei secoli si presenta con una splendida facciata. All'interno conserva un'opera di Domenico Veneziano e l'altare maggiore scolpito da Giovanni da Pedemuro.
Chiesa di S. Caterina, conserva alcuni dipinti di importanti artisti come il Celesti, Liberi, Carpioni e il Vecchia.
Chiesa dell'Aracoeli, realizzata dal Guarini, e conserva dipinti del Liberi e statue del Marimali.
Chiesa di S. Stefano, dove si trova un tabernacolo dipinto dal Tiepolo e un'opera di Palma il Vecchio.

ITINERARI
Basilica di Monte Berico
Uno dei simboli di Vicenza è la Basilica di Monte Berico, su un colle, a cui si giunge attraverso un porticato lungo 1500 metri. All'interno, la Pietà di Bartolomeo Montagna e la famosissima Cena di S. Gregorio Magno, una delle più grandi opere di Paolo Veronese.
Anconetta a 3 km dal centro, si incontra Villa Lampertico, nota per il gran numero di statue che ornano il parco e per la Ruota del Marimali, opera scultorea che rappresenta le quattro parti del mondo.
Chiesa di S. Agostino, (a 4 km dal centro della città) edificata nel Vll sec. e rifatta nel '300; conserva affreschi del sec. XIV e un polittico di Battista da Vicenza.
Villa Capra Valmarana, detta La Rotonda (a 4 km dal centro), celeberrima opera di Andrea Palladio, ultimata dallo Scamozzi, con quattro facciate uguali e un atrio grandioso sorretto da colonne. Statue di Marimali, Rubini e Albanese decorano le facciate. La serie di affreschi alle pareti è opera del Dorigny, mentre quelli della cupola sono di Alessandro Maganza. Goethe, vedendo questa villa, scrive che "mai l'arte architettonica aveva raggiunto un tal grado di magnificenza".
Villa Valmarana ai Nani, altra costruzione assai nota per lo stupendo ciclo di affreschi di Giovanni Battista Tiepolo e del figlio Giandomenico.
Caldogno (9 km), in cui si trovano due splendide ville: la prima, del Palladio, è Villa Caldogno bell'edificio di piccole dimensioni con un grandioso ciclo di affreschi. L'altra, sempre della famiglia Caldogno, ospita ora il Municipio.
Villa Valmarana,
Il Sacrificio di Ifigenia
G. B. Tiepolo
Dueville, dove sorge Villa Monza, costruita su un preesistente edificio settecentesco del Muttoni. In alcune sale vi sono i ritratti dei Monza e alcuni affreschi del Carpioni.
Vivaro dove si trova Villa Da Porto Perazzolo già attribuita al Palladio.
Quinto Vicentino (7 km),,vi sorge un'altra villa del Palladio eretta per i Di Thiene. È un edificio bellissimo, in mattoni, che un tempo si specchiava nelle acque del Tesina.
Lisiera dove si trova Villa Valmarana, opera del Palladio, distrutta in parte durante l'ultima guerra e ricostruita secondo uno schema non del tutto corrispondente all'originale.

Altre informazioni su Lazise

Altre info sul Veneto






Comune di Vicenza:
Cap. 31100 Abit. 82.000
15 mt slm - Km 30 da Venezia

APT: P.zza Duomo 5, tel. 544122
ACI: V.le della Pace 260, tel. 510501-

Pronto soccorso: H, Via Rodolfi, tel. 993111

Vicenza, la città del Palladio
Musei
Riserve e Parchi Naturali
Villa Valmarana
La Provincia di Vicenza
Regione Veneto
Stazioni Sciistiche Veneto


Cerca tra gli Agriturismi
Bed & Breakfast
Case Vacanza
Hotels di Charme
Villee Casali







Web editor Primitaly
All rigths reserved: testi ed immagini sono protetti dalle vigenti leggi che tutelano i diritti degli autori ed editori sul territorio nazionale ed internazionale.