Italia Turismo e Vacanze, Itinerari, Musei, Agriturismo, Alberghi di Charme, Bed & Breakfast, Ville e Casali e appartamenti in affitto per vacanze
.




Cerca nelle Categorie

ORVIETO TURISMO
(Comune di Orvieto)

Le origini di Orvieto risalgono al IX-VIII sec. a.C., quando gli Etruschi si insediarono sul panettone tufaceo su cui sorge l'attuale città, ma divenne fiorente centro di commercio nel VI sec. a.C. Venne annientata e quasi completamente rasa al suolo dai Romani che costrinsero gli abitanti ad abbandonare la grande città. Col tempo, e soprattutto con il declino dell'Impero Romano d'occidente, la città riprese a vivere non senza gli strazi causati dalla scesa dei popoli barbari. Questo causò violenti contese e contrasti con altri popoli che si susseguirono fin oltre il dominio longobardo, quando Orvieto si elesse a libero Comune.
Nacquero inevitabili contrasti, al punto da dividere la città in due fazioni politiche ben distinte guidate dalle famiglie pià in vista; quella guelfa rappresentata dai Monaldeschi e quella ghibellina dai Filippeschi. Di grande devozione guelfa la città tentò di difendersi dalle incursioni de Federico I Barbarossa che nel frattempo aveva conquistato buona parte del territorio circostante, compresa tutta la Tuscia.
La resistenza guelfa port&oagrave; gloriosa la città fino al '200, periodo in cui le amministrazioni pianificarono la gestione politica del patrimonio e della sua espansione costituendo il Consiglio Generale dei Quattrocento e l'elezione del Capitano del Popolo.
Fu il periodo più florido per Orvieto; sorsero nuove chiese, nobili palazzi ed il maestoso Duomo. Fu la causa del ritorno di nostalgiche entità politiche; Papa Martino IV, in contrasto con Viterbo, dove risiedeva la sede papale, si trasferì ad Orvieto e la città si divise nuovamente in due fazioni, quella dei Beffati e dei Malcorini, mentre i Monaldeschi passarono alla guida della città.
Nel 1354 il Cardinale Albornoz, incamerò Orvieto definitivamente sotto il controllo della Chiesa.
Ancora oggi Orvieto conserva le preziose testimonianze dei suoi gloriosi percorsi storici, monumenti, chiese ed in particolare il pregevole Duomo, uno dei monumenti più importanti e meglio mantenuti d'Italia.
Orvieto è anche famosa per la produzione dell'ottimo vino Classico d'Orvieto, per le ceramiche, i prodotti artigianali e le grandi tradizioni tra cui il Palio dell'Oca, un gioco di piazza già esistente nel'400.
Lo spettacolo coinvolge tutta la città ed il Palio viene disputato fra 40 cavalieri divisi per contrade; uno spettacolo emozionante. La Festa della Palombella è un'altra importante manifestazione per la Pentecoste, mentre il Corpus Domini vede le vie della città ricoperte da un tappeto di fiori su cui passa la processione ed il corteo storico con oltre 400 figuranti. Questa festa religiosa fu istituita nel 1264 da papa Urbano IV a seguito dei Miracoli di S. Cristina, la santa che venne martirizzata ed uccisa a Bolsena.

ITINERARI CIRCOSTANTI: Todi.
Civita di Bagnoregio
Lago di Bolsena
Cattedrale e catacombe di S. Cristina, Bolsena.
Museo territoriale e Castello Monaldeschi, Bolsena.
Cattedrale e Cripta del S. Sepolcro, Acquapendente.
Riserva Naturale di Monte Rufeno, Acquapendente.
Museo Civico e Palazzo Farnese, Gradoli.
Museo e Basilica di S.Maria del Suffragio, Grotte di Castro


REGIONE UMBRIA
Provincia di Terni
Comune di Orvieto



Comune di Orvieto:
0761 3061
Azienda Prom. Turistica ad Orvieto, P.zza Duomo 24, Tel. 0763-41772-44433.
Pronto Soccorso ad Orvieto: 3091

Ricerca nelle Categorie: Agriturismi - Ville e Casali - Bed & Breakfast - Case Vacanza - Hotels di Charme
- Last Minute - Destinazioni - Ricerca Generica - NEWSLETTER - Contatti - Chi Siamo - HOME PAGE

All Rights Reserved: Primitaly, Termini e Condizioni - Copyright

Area operatori:
Inserisci una struttura - Pubblicità - Banner - Contatti - Chi siamo