Italia da Scoprire



Regione Sicilia - Italia
L'Arcipelago Eoliano
Provincia di Messina

Cambia Categoria





Aziende on line
Inserite la vostra Azienda
su Primitaly
ora

Info Turismo
Informazioni per chi viaggia: auto, treno, aereo, navi

Viabilità Autostrade
Aeroporti e orari
Treni
Navi e Traghetti
AutoNoleggio
Meteo



Servizi di Primitaly

Chi è Primitaly
Servizi
Offerte


L'arcipelago eoliano, è situato nel mar Tirreno a nord della Sicilia, si compone di sette isole principali di origine vulcanica .
Le tre isole maggiori maggiori, Lipari, Salina e Vulcano, poi Alicudi e Filicudi ad ovest, Stromboli e Panarea a nord-est.
Tranne Salina che e' indipendente, tutte le altre isole fanno infatti parte del Comune di Lipari.



Cenni storici
Lipari e Panarea furono abitate fin dal Neolitico (VI millennio a.C.) e grazie alle comunicazioni via mare si svilupparono intense attività di
di commercio, soprattutto con "ossidiana", un vetro vulcanico duro e tagliente (il muro di bronzo ricordato nell'Odissea). Nonostante l’alternarsi di civiltà che guidarono l’arcipelago, fu sempre una meta ambita per la sua posizione strategica (commercio dell'allume) e fu rinomato per le cure termali. Ma dovette subire le invasioni di popoli conquistatori, tra cui i Normanni. Nel 1544 fu saccheggiata dal pirata musulmano Kair-ed-Din, detto il Barbarossa, che ne fece schiavi gli abitanti. Solo dopo un lungo periodo riprese il suo regolare ritmo di vita, e in particolare quando tutto l’arcipelago passò sotto il controllo di Messina, suscitando nel tempo un forte interesse ai turisti di tutto il mondo che raccontano la loro vacanza nelle Eolie come un’esperienza indimenticabile.

Lipari , sorge sulla costa sud-orientale dell'isola, è il centro principale dell'arcipelago e conta circa 12.000 abitanti. Suggestivi paesaggi, a volte emozionanti, come le colate di Ossidiana o i forti contrasti del cielo terzo con le abbaglianti cave di pomice.




Isola di Salina, la Baia di Pollara
Salina, il cui nome deriva dalle antiche saline del piccolo lago a punta lunga, si distingue per una vegetazione rigogliosa, ed una prosperosa agricoltura grazie alla presenza di acqua dolce che ha favorito anche la produzione del buon vino "Malvasia". E proprio per la ricchezza floreale e faunistica che la Regione Siciliana ha istituito la Riserva naturale dei monti dei Porri e di Fossa delle Felci, che rappresentano i più alti rilievi dell’isola fino a raggiungere gli oltre 900 mt.
L’isola di Salina è famosa, oltre alle sue meraviglie naturali e ambientali, anche per aver prestato i suoi scenari al film "Il Postino" interpretato da Troisi e Noiré, proprio nella casetta di Pollara, divenuta ormai meta di numerosi turisti, i quali non dovrebbero perdere gli "sconcassi", le curiose bolle sull’acqua generate dalle emissioni solforose sprigionate dal fondo, che si possono vedere a duecento metri dalla spiaggia di Rinella,


Vulcano, l'isola del dio del fuoco, Efesto, così, almeno nell’antichità era considerata, per la sua attività vulcanica, ancora oggi manifestata da fumarole e sorgenti termali.




Le altre due isole, più piccole ma forse più suggestive e selvagge, sono Alicudi e Filicudi.

Alicudi è l'antica Ericusa, così chiamata perché ricoperta da eriche. E' l'isola più occidentale dell'arcipelago, ricca di innumerevoli inquadrature paesaggistiche, a cominciare dalla Montagnola, i resti di un antico vulcano che raggiunge i 675 mt. Ma forse sono le spiagge a regalare le più forti emozioni, dalle innumerevoli sfumature del mare alle piccole insenature, le grotte naturali, i fondali ricchi di pesce.

Filicudi, dalla caratteristica forma ovoidale, è circondata da scogli, tra cui si distingue la Canna, un obelisco naturale alto 85 m.
Da vedere anche la famosa "Grotta del Bue Marino" dalle colorate rifrazioni di luce.

Stromboli, il vulcano ancora attivo il cui cono s'innalza oltre 900 mt slm. le cui colate si riversano sul versante nord-ovest detto Sciara del Fuoco. Ma l’isola è comunque abitata e vissuta, vi si coltivano vigneti e oliveti, ma anche capperi che rappresentano una coltivazione comune nell’arcipelago.

Panarea, una natura incontaminata, un riparo naturale per molte specie faunistiche che invitano a suggestive escursioni e bird watching. E’ circondata da numerosi isolotti come fossero tanti satelliti.

Le Isole Eolie sono raggiungibili da:
Milazzo, Messina, Reggio Calabria, Napoli
Per informazioni sui traghetti
Per informazioni sulla Sicilia
Agriturismi in Sicilia

Altre informazioni sulla Sicilia




Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo delle Isole Eolie (A.A.S.T.)
98055 Lipari (Messina) - Corso Vittorio Emanuele, 202
Tel.: +39 090 9880095 Fax: +39 090 9811190
E-mail: aasteolie@netnet.it - infoaast@netnet.it

Uff. Info:
98050 - Vulcano - Porto di Levante - Via Provinciale - Tel.: +39 090 9852028 (stagionale)

Azienda Provinciale per l'Incremento Turistico di Messina
Tel. 090 640221 - Fax 090 6411047
Uff. informazioni: 090 647236

Lipari:
Tel. 090 9880095
Fax 090 9811190

Vulcano:
Tel 090 9852028
(da luglio a settembre)




Agriturismi
Alberghi di Charme
Bed & Breakfast
Ville e Casali
Case Vacanza Appartamenti



Info sui traghetti
Riserve e Parchi Naturali
Musei
Turismo Sicilia






Web editor Primitaly
All rigths reserved: testi ed immagini sono protetti dalle vigenti leggi che tutelano i diritti degli autori ed editori sul territorio nazionale ed internazionale.