Evento in LIGURIA

Inserito da: Eliana Amadio  Genova  vico Lavezzi 8  tel.:0102464657  fax: -  E-mail: info@associazioneartu.it

Periodo : dal 2/4 al 16/4

Località: Genova

Provincia: Genova - SAGOME rassegna di giovane danza contemporanea d’autore

SAGOME

rassegna di giovane danza contemporanea d’autore

2 | 9 | 16 aprile 2011

Teatro HOPS | Piazzetta Cambiaso, 1 | GENOVA

Ingresso € 10,00 a serata

 

Una rassegna che sostiene la giovane creatività della danza contemporanea italiana con

13 artisti provenienti da Liguria, Piemonte e Veneto che si esibiranno in

 9 performance, 3 a serata, in uno dei teatri più suggestivi del capoluogo genovese.

 

www.associazioneartu.it  |  www.hopsgenova.it

 

 

L’Associazione ARTU organizza SAGOME, una rassegna di giovane danza contemporanea d’autore al Teatro HOPS di Genova il 2, 9 e 16 aprile 2011.

Partendo da una delle prerogative più care all’associazione, ossia offrire proposte innovative e coinvolgenti e nello stesso tempo mantenere una stretta relazione con il territorio e il suo pubblico, il progetto SAGOME intende indagare la danza contemporanea nelle sue sfaccettature più diverse e prevede l’alternarsi di performance e spettacoli di giovani artisti provenienti da Liguria, Piemonte e Veneto.

ARTU ha scelto il titolo SAGOME partendo dal significato letterale della parola. “Sagome” sono i contorni, i profili. Descrivono le linee di un oggetto, le forme di un edificio, le silhouette delle persone. Una sagoma può essere tozza, elegante, armoniosa. Una sagoma è anche un modello, uno stampo. Nel senso più figurativo del termine si associa a un essere stravagante, originale.

 

LA PROGRAMMAZIONE

La rassegna prevede tre TRIPLE DIP, tre performance a sera, per un totale di nove spettacoli e tredici artisti. Il termine DIP, di provenienza anglosassone, ha diversi significati e evoca qui, nell’intenzione della direttrice artistica Eliana Amadio, l’atto di immergersi nell’arte della performance e gustarla a piccole dosi. DIP è un tuffo, a livello corporeo e spirituale ma è anche la salsa, che colora e insaporisce le portate.

Non è un caso, infatti che il 2 aprile alle 18.30 la rassegna si apre con la performance The cut-tuk show di Martina Cortelazzo, in cui una cuoca ci conduce lungo il confine tra i movimenti quotidiani del cucinare e quelli astratti della danza attraverso la ricetta del “Pollo marinato alla chutney di prugne e zenzero”. La tematica degli alimenti riappare anche nelle performance Elogio all’attesa di Davide Frangioni, che gioca con le foglie di una verza e MELE di Silvia Bugno, entrambi in scena il 9 aprile.

Il filo conduttore resta quello del concreto, della materia, anche nelle altre performance. Una sostanza più astratta nel caso di La Bagarre di Erika Di Crescenzo (2 aprile), TU NA di Serena Loprevite (16 aprile) e AVIDVOID di gruppo S.A.N. (16 aprile). Mentre nel primo caso il corpo della danzatrice incontra lo strumento musicale in un vorace corpo a corpo, tracciando insieme un unico segno corpo-sonoro, negli altri due spettacoli prevale la purezza del movimento. La coreografia di TU NA sviluppa la sua indagine sull’atto del respirare, attraversando spazi di silenzio cadenzati dalla prosa del solo movimento, mentre AVIDVOID mostra un inconscio prendere appunti col corpo sulle modulazioni degli stati emotivi e contiene impulsi dinamici puramente astratti che sembrano, però, fare emergere stati d'animo in chi osserva il corpo.

Materia più tangibile è invece quella esposta in A Corpo libero di Silvia Gribaudi (16 aprile), in cui il lavoro sul movimento è costituito da una giocosa fluidità del corpo e nella proposta in M/F di Nicola Marrapodi (2 aprile) in cui due esseri formati della medesima sostanza scelgono la loro forma: maschio e femmina. Particolarmente originale, infine, lo spettacolo Danze Minute di Aline Nari (9 aprile), costruito su danze di un minuto, in uno spazio minuto, con una danzatrice minuta. Spettacolo per un solo spettatore, è un invito a un dialogo, breve ma intenso, fra performer e spettatore.

Inoltre, il 17 aprile ARTU e Teatro HOPS organizzano un  laboratorio di danza in urbano condotto da Serena Loprevite (per maggiori info e iscrizioni scrivere a workshops@hopsgenova.it)

 

GLI OBIETTIVI

ARTU, in condivisione con gli stessi obiettivi del network Anticorpi XL di cui fa parte e nell’ottica di arricchire il panorama artistico del territorio genovese, con questo progetto intende: sostenere la giovane creatività nell’ambito della danza contemporanea; dare valore all’innovazione e alla qualità artistica del progetto di rete; valorizzare il linguaggio del corpo come strumento di espressione artistica; avviare nuovi partenariati con altre realtà associative locali affinché contribuiscano al sostegno dei giovani danzatori sul territorio; incoraggiare le istituzioni locali a riconoscere la danza contemporanea al pari delle altre forme d’arte.

 

L’evento è realizzato in collaborazione con il circuito Anticorpi XL, network della giovane danza d’autore italiana, di cui ARTU è partner dal 2009 e che coinvolge attualmente 18 operatori di 12 Regioni

N.B. Se pensi che il nostro archivio di manifestazioni non sia completo, INSERISCI la tua segnalazione, grazie!