Italia da Scoprire



Regione Lazio - Italia
Tuscania : Storia
Provincia di Viterbo

Cambia Categoria





Aziende on line
Inserite la vostra Azienda
su Primitaly
ora

Info Turismo
Informazioni per chi viaggia: auto, treno, aereo, navi

Viabilità Autostrade
Aeroporti e orari
Treni
Navi e Traghetti
AutoNoleggio
Meteo



Servizi di Primitaly

Chi è Primitaly
Servizi
Offerte


L'antica città era già abitata dagli Etruschi, ricca ed importante, e si avvaleva del commercio marittimo attraverso il porto di Montalto. I Romani la conquistarono nel III sec. a.C. e segnarono una strada che prese il nome di Clodia.
Col tempo la città riprese a vivere, ed il centro abitato iniziò ad espandersi sul pianoro attuale, ma già nel 574 venne conquistata dai Longobardi durante la scesa verso Roma. Carlo Magno la conquistò nel 774 e la donò alla Chiesa che ne assunse il controllo.
Ciò nonostante Tuscania fu più volte insidiata dalle famiglie di tiranni che si contendevano i vari feudi e fu per questo che si elesse comune libero.
Durante il XV sec. il card.Giovanni Vitelleschi, assoldato dalla S.Sede per ristabilire l'ordine ed il possesso sui propri territori, espugnò le grandi mura e cacciò definitivamente i tiranni.
Durante successive invasioni e conseguenti distruzioni, la città perse molte bellezze, ma il colpo di grazia arrivò nel 1971, quando un violento terremoto distrusse molte case, chiese ed edifici importanti.Tutto è stato ricostruito con molta cura, ma inevitabilmente il volto della città ha subito profondi cambiamenti.
Tuttavia rimangono innumerevoli testimonianze: le necropoli etrusche, il centro medievale e le grandi mura perimetrali miracolosamente ancora erette.
Per chi non è mai stato a Tuscania è doverosa una passeggiata nell'antica città dentro le mura.

Tra le cose da vedere:

Chiesa di S.Pietro, in stile romanico lombardo è il monumento più importante della città e probabilmente uno dei più belli d'Italia. Fu eretto nel VIII sec. e successivamente modificato. La facciata a tre portali è finemente lavorata e ricca di decorazioni tra cui il portale centrale cosmatesco e il rosone con i simboli dei 4 evangelisti. L'interno è maestoso a tre navate sorrette da colonne romane con presbiterio sopraelevato, affreschi bizantineggianti del XII sec., pavimento cosmatesco, sarcofagi, ed una meravigliosa cripta con volte a crociera sorrette da 28 colonne in marmo provenienti da antichi edifici romani.
Visitabile intera giornata, Tel 0761-436371.
Chiesa di S.Maria Maggiore, antica chiesa eretta nel VIII sec. e rimaneggiata nei secoli. La ricchezza dei dettagli in particolare il suggestivo affresco trecentesco del "
Giudizio Universale" fanno della chiesa un monumento grandioso.
Visitabile intera giornata, Tel 0761-436371.
Palazzo Comunale
, il palazzo fu costruito nel XVII sec. e successivamente rimaneggiato, all'interno sono visibili affreschi di varie epoche.
Chiesa di S.Marco, è una delle più antiche della città.
Chiesa di S.Croce, la chiesetta è stata adibita ad archivio storico.
Duomo, imponente edificio fatto costruire dal card.Gambara nel XVI sec., all'interno custodisce importanti opere.
Chiesa di S.Maria del Riposo
, è probabilmente una delle più interessanti, all'interno sono custodite opere di importanti artisti, tra cui una tavola del Pastura.

Museo Archeologico

Museo d'Arte Sacra
, Per le visite rivolgersi al Parroco nella Cattedrale, Tel 0761-434598.
Chiesa S.Maria della Rosa, anche se ha subito continui interventi, conserva ancora il suo l suo aspetto austero e misterioso.
Le Necropoli etrusche, nelle campagne circostanti sono state rinvenute alcune necropoli con tombe importanti, tra cui la famosa Tomba della Regina, dal particolare labirinto. Altre tombe appartenenti alla famiglia più importante, i Curunas, hanno conservato un patrimonio archeologico di inestimabile valore, ma molti tesori risalenti ad epoche più lontane sono stati trafugati dai tombaroli che per secoli hanno scavato e derubato. Per le visite rivolgessi al Museo.


ITINERARI
Bolsena e il suo lago
.
Palazzo Farnese, Capodimonte.
Necropoli etrusche, Tarquinia.
Museo Nazionale, Tarquinia.
Necropoli di Vulci e Oasi WWF, Montalto di Castro.
Museo Nazionale e Castello di Vulci, Canino.
I Monumenti di Viterbo



Comune di Tuscania 443374
Carabinieri di Tuscania 433610
Pronto Intervento 112
Pronto Soccorso di Tuscania 435195
Ufficio Turistico 436371
Vigili Urbani 443366
Farmacia Giannelli 435012
Farmacia Ventura 435012
Pinacoteca G. Cesetti 442695
Biblioteca Comunale 443338.

Riserve e Parchi Naturali
Musei
Lazio Turismo



Agriturismi
Alberghi di Charme
Bed & Breakfast
Ville e Casali
Case Vacanza Appartamenti




Storia | Beni Ambientali | Eventi | Musei | Ristoranti
Alberghi | Agriturismi | Disco & Pubs | Informazioni | Home Page




Web editor Primitaly
All rigths reserved: testi ed immagini sono protetti dalle vigenti leggi che tutelano i diritti degli autori ed editori sul territorio nazionale ed internazionale.