Italia da Scoprire



Regione Lazio - Italia
Capodimonte : Comune di Capodimonte
Provincia di Viterbo

Cambia Categoria





Aziende on line
Inserite la vostra Azienda
su Primitaly
ora

Info Turismo
Informazioni per chi viaggia: auto, treno, aereo, navi

Viabilità Autostrade
Aeroporti e orari
Treni
Navi e Traghetti
AutoNoleggio
Meteo



Servizi di Primitaly

Chi è Primitaly
Servizi
Offerte


Sulle sponde sud-occidentali del lago di Bolsena, abbarbicato su un promontorio a forma di penisola, sorge un suggestivo paesino sorto sulle spoglie dell'antica Bisenzio (Bisentium o Visentium), l'antica città sulla collina ad ovest di Capodimonte, nel punto in cui una lingua di terra si pronuncia verso l'isola Bisentina. Probabilmente segnava il limite di estensione del territorio di Vulci e rappresentava un punto strategico per il clima ed il commercio. La zona fu abitata da sempre, come confermano le due piroghe monossili, databili al'età del bronzo, rinvenute sul fondo del lago, proprio nel territorio di Capodimonte.
Dopo la conquista dei Romani, nel 280 a.C., si sviluppò un considerevole insediamento con un castello fortificato, ma non ebbe una vita tranquilla, infatti venne più volte distrutto e ricostruito fino al completo abbandono della zona agli inizi del 1800.
Isola Bisentina, girdini all'italiana

Capodimonte è quasi totalmente abbracciato dalle acque del sot- tostante lago ed è raggiungibile da un solo accesso, come usava nel medioevo. Il palazzo appartenne ai Farnese fin dal 1385. Ancora oggi il palazzo Farnese è ben mantenuto e domina tutto il paese ed il lago di Bolsena.
In questo paradiso terrestre, circondato dalle acque color cobalto del lago e spalleggiato ad ovest da verdi colline, nacque Giulia Farnese: "Giulia la bella". Capodimonte è famosa anche per il buon vino che si produce ancora come una volta, la Cannaiola, e per il tipico pesce di lago.

Da vedere:

Palazzo Farnese: costruito su un antico castello per conto della ricca famiglia dei Farnese nel XVI Venne ricostruito in forme ottagonali a mò di fortezza-villa intorno ad un antico maniero nel '400, e successivamente, completato di un avancorpo loggiato.
Benche' fossero intervenuti vari costruttori fu Antonio Sangallo il Giovane, noto architetto dei Farnese, a dare le forme attuali all'edificio per allietare i soggiorni estivi di Papa Paolo III
Per le visite rivolgersi al Comune di Capodimonte
Tel. 0761-870043.

Chiesa di S. Rocco: fu voluta da Ranuccio III Farnese e fatta rimaneggiare dal card. Alessandro Juniore su disegno del Vignola. L'interno, tipicamente barocco, conserva opere importanti.

Isola Bisentina

Dal porto di Capodimonte, la "Navigazione La Bussola", per mezzo di una barca, vi porta alla scoperta dei tesori dell'Isola. Accompagnati da una esperta guida è possibile ripercorrere gli innumerevoli avvenimenti storici che hanno segnato i luoghi, come anche i sentieri che camminano tra i boschi fino a raggiungere la sommità dell'isola, dove si gode un panorama unico della grande valle del lago e dei paesi che sorgono lungo le sue sponde.
L'isola è abitata da una fauna ricca e variegata. Notevole il giardino all'italiana e la grande Chiesa a cupola dei Ss. Giacomo e Cristoforo, dall'aspetto tipicamente rinascimentale, fatta costruire da Ranuccio Farnese e donata ai frati Minori nel 1586. Gli arredi e le opere di valore vennero trafugate dalle armate di Napoleone, ma rimangono un bel tabernacolo ed il dossale ligneo.
Qui, vennero seppelliti alcuni della famiglia Farnese: Ranuccio, Pier Luigi (duca di Castro) e suo figlio card. Ranuccio, mentre altre tombe sono disperse. Lungo i sentieri che portano in cima al monte Tabor, si incontrano sette cappelle costruite tutte nel XVI sec.




Web editor Primitaly
All rigths reserved: testi ed immagini sono protetti dalle vigenti leggi che tutelano i diritti degli autori ed editori sul territorio nazionale ed internazionale.