Italia da Scoprire



Regione Lazio - Italia
Rieti (STORIA)
Provincia di Rieti

Cambia Categoria





Aziende on line
Inserite la vostra Azienda
su Primitaly
ora

Info Turismo
Informazioni per chi viaggia: auto, treno, aereo, navi

Viabilità Autostrade
Aeroporti e orari
Treni
Navi e Traghetti
AutoNoleggio
Meteo



Servizi di Primitaly

Chi è Primitaly
Servizi
Offerte


La città fu occupata proprio dai Romani nel 290 a.C. (da Manio Curio Dentato) e venne sottomessa. Dal dominio dei Romani, però, ottenne dei benefici, come lo sviluppo economico dovuto al commercio e alle numerose opere di costruzione e di bonifica come avvenne per il prosciugamento delle campagne circostanti grazie alla realizzazione di un emissario sotterraneo (Cava Curiana) permettendo alle acque del fiume Velino di precipitare rovinosamente da un'altissima roccia, sulle acque del fiume Nera.
L'opera di bonifica portò in superficie la vastissima estensione dell'agro reatino, ma fu la causa di continue e sanguinose contese con i ternani, che ne rivendicavano il possesso, per tutto il medioevo, fin ad arrivare al XVIII secolo.
Rieti ottenne anche il diritto di suffragio e divenne Prefettura .
Fu sottomessa dai Barbari, i Goti e quando scesero i Longobardi venne annessa al ducato di Spoleto. Se la prepotenza e l'arroganza di questi invasori poteva rappresentare una crudeltà per il popolo reatino, le scorrerie saracene furono alquanto ferocie e sanguinose. Nel 1149, l'esercito del Re normanno Ruggero di Sicilia, dopo aver occupato la Marsica e parte del ducato di Spoleto assediò Rieti saccheggiandola e devastandola per punirla dei rapporti sostenuti con i Conti de' Marsi.
Ma non fu la fine per Rieti, col tempo riprese a vivere e nel 1171 si elesse libero comune e qualche anno dopo, promettendo obbedienza e fedeltà, riconobbe la sovranità di Papa Innocenzo III.
I secoli successivi furono alquanto duri, Rieti dovette far fede alle promesse fatte al papato e scese più volte in guerra per difendere la città ed il territorio della Sabina contro nuovi e prepotenti casati, ma anche alla durezza degli eserciti di Germania degli imperatori di
Hohenstaufen, tra cui sanguinario Federico Barbarossa prima e suo nipote Federico II dopo. Successivamente dovette scontrarsi anche con le vicine città di Cittaducale, Lugnano e Cantalice, ma anche con i ternani che tentavano di appropirasi del controllo delle acque del Velino.
Alla fine del XVIII sec. venne occupata dalle truppe francesi, e successivamente dai reazionari abruzzesi e napoletani e via via un susseguirsi di scontri alternati a momenti di relativa pace fino all'unione d'Italia. Infine, nel 1927 venne per la terza volta elevata a capoluogo della provincia reatina.

Nonostante gli assedi, le guerre, i saccheggi e le devastazioni subite nei secoli, Rieti mantiene ancora oggi preziosi monumenti e importanti opere architettoniche.
L'ambiente è circondato da una natura incontaminata, colline verdi, boschi e foreste d'alto fusto, fiumi dalle limpide acque, laghi che appaiono come specchi d'acqua incastonati in paesaggi unici, ai piedi di montagne innevate.

Info numeri utili




Comune di Rieti
P.zza Vittorio Emanuele
Tel. Centr. 2871
APT Rieti: Via Cintia, 87
Tel. 0746-201146 fax 270446
Terminillo: Tel. 261339
Uffici Informazioni
P.zza V. Emanuele, 17
Tel. 0746-203220
Terminillo Tel.e Fax 0746-261121
Carabinieri Tel. 495067 (112)
Emergenza Sanitaria 118
Autoambulanza Tel 200700
Ospedale Tel. 2781
Pronto Soccorso Tel. 200700
Soccorso alpino cell. 0336-772699
Polizia - Via Fundania
Tel. 200712-201111
Polizia Municipale ViaCintia,142 Tel. 287220-287218 Fax 201679
Vigili del Fuoco Tel. 201714 (115)
Taxi Comune - Tel. 200721
Stazione - Tel. 496711
RadioTaxi Tel. 0335-8389592

Riserve e Parchi Naturali
Musei
Lazio Turismo



Agriturismi
Alberghi di Charme
Bed & Breakfast
Ville e Casali
Case Vacanza






Web editor Primitaly
All rigths reserved: testi ed immagini sono protetti dalle vigenti leggi che tutelano i diritti degli autori ed editori sul territorio nazionale ed internazionale.