Italia da Scoprire



Regione Lazio - Italia
Civita Castellana - Comune di Civita C.
Provincia di Viterbo

Cambia Categoria





Aziende on line
Inserite la vostra Azienda
su Primitaly
ora

Info Turismo
Informazioni per chi viaggia: auto, treno, aereo, navi

Viabilità Autostrade
Aeroporti e orari
Treni
Navi e Traghetti
AutoNoleggio
Meteo



Servizi di Primitaly

Chi è Primitaly
Servizi
Offerte



Rocca BorgiaI primi insediamenti di Civita Castellana, rinvenutiin loc.Montarano, risalgono all'età del Bronzo, ma la costituzione e l'espansione del nucleo urbano, chiamato Falerii, fu, secondo la tradizione, opera dei Falisci sotto la guida di Halisco figlio di Agamennone.
I Falisci erano un popolo attivo e laborioso, dedito all'agricoltura, al pascolo e all'arte, come testimoniano i resti delle antiche necropoli, le cui linee architettoniche risentirono dell'influenza etrusca. Durante l'invasione dei Romani i Falisci strinsero un'alleanza con gli Etruschi, anch'essi perseguitati, ma vennero sconfitti una prima volta nel 394 e, annientandoli definitivamente, nel 241 a.C.
Gli abitanti, costretti dai Romani ad abitare luoghi meno resistenti agli assedi, costruirono più a nord una nuova città protetta da forti mura con ben 50 torri e la chiamarono "Falerii Novi".
Le opere monumentali dei Falisci, presenti nella città distrutta che nel frattempo prese il nome di Falerii Veteres, vennero riutilizzate dai Romani e in alcuni casi, come i templi di Giunone Curite e Minerva, vennero restaurati e riservati al culto.
Ben presto la zona venne raggiunta da importanti vie di comunicazione, dapprima la Amerina, che raggiungeva Falerii Novi per continuare verso l'Umbria, e successivamente la Flaminia.
Ciò rese più facile il commercio, ma anche le invasioni barbariche che, nel caso di Falerii Novi, rappresentavano un grande pericolo poiche' la città non godeva di un castello ne' di burroni, ma solo di mura perimetrali.
Duomo Cosmatesco di Civita Castellana I continui assedi costrinsero gli abitanti a tornare a Falerii Veteres dove fortificarono il vecchio castello rendendolo inespugnabile al punto che papa Gregorio V le sostituì il vecchio nome con Civita Castellana.
Nel XII sec. rappresentava già una fiorente promessa per il commercio ed una sicurezza per gli abitanti, circondata da forti mura e profondi burroni, tanto che venne scelta come rifugio dai papi costretti a fuggire da Roma durante le invasioni.
Con il rinascimento, benche' i sanguinosi eventi medievali erano lontani, papa Alessandro VI Borgia fece costruire intorno all'antico castello una possente fortezza da Antonio Sangallo il Vecchio, nel 1494, e venne terminata sotto il pontificato di Giulio II che fece continuare i lavori da Antonio Sangallo il Giovane.
La città si sviluppò notevolmente quando venne aperta, nel 1709, una nuova via d'accesso con la costruzione del ponte Clementino che la collegava al resto dell'Agro Falisco.
Civita Castellana, oltre i sui monumenti, è famosa nel mondo per le industrie di ceramiche




Comune di Civita C.:
Tel. 0761-516555

Museo Archeologico
Tel (+39)-0761-53735

Polizia Municipale:
Tel. 0761-5517358
Carabinieri:
Tel. 0761-53003
Pronto Intervento: 112
Pronto Soccorso:
Tel. 0761-5921

Tuscia, La Provincia di Viterbo
Riserve e Parchi Naturali
Musei
Lazio Turismo




Agriturismi
Alberghi di Charme
Bed & Breakfast
Ville e Casali
Case Vacanza Appartamenti







Web editor Primitaly
All rigths reserved: testi ed immagini sono protetti dalle vigenti leggi che tutelano i diritti degli autori ed editori sul territorio nazionale ed internazionale.